Indirizzi PEC

Accessibilità allo spettacolo La Moda in Castello 2017

I posti sono riservati su prenotazione. L'accesso è gratuito. Per la prenotazione contattare Segretria organizzativa al tel 0532749263 sino al 1 settembre.

Nel luogo della manifestazione non sono presenti barriere architettoniche; sarà in ogni caso posizionata una striscia di moquette per regolarizzare la pavimentazione in ciotoli e facilitare il passaggio ai disabili ai quali vengono riservati  posti limitrofi all'accesso da Piazza Savonarola e da Largo Castello, evidenziati in rosso. I servizi igienici per disabili e non, sono all'interno dei due locali che si affacciano sulla Piazza.

OBBLIGO DI COMUNICAZIONE DEGLI INFORTUNI DI ALMENO UN GIORNO

La Legge 27 febbraio 2017 n.19 di conversione del DL 244/2016 (Mille proroghe 2017) ha disposto lo slittamento al 12 ottobre 2017 anche del termine di decorrenza dell'obbligo, a carico del datore di lavoro e del dirigente, della comunicazione in via telematica all'INAIL, a fini statistici e informativi, dei dati relativi agli infortuni che comportano l'assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell'evento.
Anche quest’obbligo è legato al D.M. 183/2016 sul SINP in vigore dal 12/10/2016.
L’obbligo decorre dai 6 mesi (prorogati a 12 mesi) successivi all’adozione del D.M. 183/2016, decorre quindi dal 12/04/2017 -> 12/10/2017 (art.18 co. 1, lett. r del TU sicurezza).
Il differimento è inteso a consentire che l'INAIL predisponga una corretta procedura telematica.

Cig in deroga - estesi all'anno 2017 i trattamenti in deroga

 Nell’anno 2016 le Regioni e le Province autonome possono disporre trattamenti di cassa integrazione e di mobilità in deroga nel limite delle risorse; quest’ultime sono state elevate al 50% per l’anno 2016, rispetto al precedente 5% previsto per l’anno 2015.

Il 50% dell’ammontare complessivo delle risorse disponibili per l’anno 2016 è utilizzabile dalle Regioni e dalle Province autonome con riferimento:

- sia agli ordinari trattamenti di integrazione salariale e di mobilità, dopo avere terminato l’utilizzo degli strumenti ordinari;

- sia ai trattamenti in deroga ai criteri di accesso definiti all’art. 2 e 3 D.I. n. 83473/2014.

Più precisamente, è previsto che le Regioni o Province autonome indirizzino gli interventi:

- preferibilmente alle aree di crisi industriale complessa;

- ed eventualmente ad azioni di politica attiva del lavoro, previa comunicazione al Ministero del Lavoro. Tali azioni devono avere inizio entro il 31/12/2016.

Ai fini della concessione dei trattamenti in deroga le Regioni o Province autonome sono tenute a rispettare le seguenti cadenze temporali prescritte dal Ministero del Lavoro:

- i trattamenti in deroga hanno inizio entro la fine dell’anno 2016 e le Regioni o Province autonome adottano il provvedimento di concessione non oltre il 31/12/2017;

- i trattamenti in deroga possono avere decorrenza anche successiva al 31/12/2016 purché consecutivi alla fruizione di precedenti interventi ordinari scaduti dopo tale data e purché, i relativi provvedimenti di autorizzazione, siano adottati entro e non oltre il 31/12/2016. 

G7 Italia: interrotti gli accordi di Schengen dall'11 al 30 maggio

ll ministero dell'Interno ha comunicato che alla mezzanotte di oggi, 10 maggio, scatterà la sospensione degli accordi di Schengen con il ripristino dei controlli alla frontiera. Decisione presa per garantire i necessari standard di sicurezza durante lo svolgimento del G7 delle Finanze in programma a Bari dall'11 al 13 maggio e del Vertice del G7 del 26-27 maggio a Taormina.

Il ministero dell'Interno ha disposto la reintroduzione dei controlli sia alle persone sia alle merci in ingresso fino al 30 maggio, per cui potrebbero
verificarsi ritardi soprattutto nelle zone di frontiera.

Cigs - le verifiche ispettive nel procedimento amministrativo di concessione

Nell’ambito del nuovo procedimento amministrativo gli organi ispettivi sono tenuti ad effettuare due tipologie di verifiche:

1) Verifiche ispettive finalizzate all’accertamento di impegni aziendali assunti in sede di presentazione del programma di Cigs;

2) Verifiche ispettive finalizzate all’accertamento dei presupposti per la concessione del pagamento diretto dei trattamenti dei lavoratori.

Le verifiche ispettive sono effettuate dai competenti organi ispettivi con riferimento a tutti i procedimenti amministrativi di concessione del trattamento di Cigs per le causali di concessione di crisi aziendale, riorganizzazione aziendale e contratto di solidarietà a prescindere dalla circostanza che l’azienda abbia richiesto il pagamento diretto del trattamento ai lavoratori. 

In merito alle tempistiche, il Ministero del Lavoro precisa che il primo tipo di verifica ispettiva andrà effettuata in fase di conclusione del programma essendo, l’accertamento ispettivo, finalizzato al controllo dello stato di attuazione del programma di interventi. Il secondo tipo di accertamento andrà effettuato in un momento immediatamente successivo alla presentazione della domanda dal momento che entro 30 giorni dalla presentazione della domanda il Ministero del lavoro deve acquisire la relazione ispettiva comprovante le serie e documentate difficoltà dell’impresa redatta all’esito della verifica ispettiva.

Nei confronti delle imprese artigiane dell’indotto richiedenti il trattamenti di Cigs, gli organi ispettivi dovranno verificare la diretta connessione tra la contrazione dell’attività dell’impresa artigiana e la sospensione o riduzione dell’attività dell’impresa che esercita il flusso gestionale prevalente. Nello specifico, saranno autorizzati i trattamenti di integrazione salariale straordinaria richiesti in favore dei lavoratori delle imprese artigiane, limitatamente ai periodi in cui vi è stato ricorso i trattamenti di sostegno al reddito da parte dell’impresa che esercita l’influsso gestionale prevalente.

Gli organi ispettivi dovranno, inoltre, accertare il rispetto delle modalità di rotazione dei lavoratori sospesi in sede di verifica ispettiva oppure in seguito a segnalazione delle organizzazioni sindacali o dei singoli lavoratori.

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!