News ed eventi

I risultati del sondaggio condotto da Cna nel Comune di Ferrara, a cui hanno risposto 300 imprese.

Argomenti trattati in questo articolo:

Forte la denuncia degli imprenditori del peso della burocrazia, che il 76,6% ritiene addirittura peggiorata negli ultimi anni

Il 60,5% dà giudizi negativi sul nuovo servizio di raccolta dei rifiuti timore di costi troppo alti e criticata la poca assistenza di Hera

Sulla sicurezza misure insufficienti, ma occorrono leggi più severe

Dal punto di vista delle imprese, il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, avviato nel ultimi mesi nel Comune di Ferrara, è peggiorato, se non addirittura molto peggiorato. Severo e inequivocabile il giudizio dei 300 imprenditori, che hanno risposto al questionario lanciato dall'Area di Ferrara della Cna nel mese di maggio: un 60,5% di opinioni negative, molto motivate, su un servizio dagli aspetti tuttora critici, pur facendo emergere l'adesione delle aziende cittadine ad un sistema fondato sulla applicazione della tariffa puntuale. Ma, come ha precisato il presidente dell'Area di Ferrara, Riccardo Cavicchi, presentando i risultati dell'interessante sondaggio, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche il direttore provinciale Cna Diego Benatti e il responsabile del Quartiere Città Luca Corteggiani, la raccolta differenziata deve essere incentivata in modo tangibile partendo dalla reale conoscenza della realtà delle imprese e, soprattutto, da un maggiore ascolto delle loro esigenze. Infatti, gli imprenditori ancora non capiscono bene come funziona il nuovo sistema, lamentando scarsa assistenza da parte di Hera (33,3%), preoccupate di sforare il numero di conferimenti minimo (49,6%), o di dover pagare costi troppo elevati (40,7% del campione). Inoltre, si segnala la difficoltà nello scegliere la tipologia di contenitore più adeguata 21,1% anche per mancanza di sufficienti informazioni da parte di Hera. Cna è intenzionata a far valere l'opinione delle proprie imprese al prossimo incontro dell'Osservatorio sul servizio rifiuti del 26 giugno, sollecitando un maggiore impegno da parte del gestore nel miglioramento del servizio, anche considerando l'imminenza della bolletta di luglio. Di più e meglio, quindi, rispetto a quanto garantito fino ad ora.


Il sondaggio condotto da Cna tra i propri associati di Ferrara, con l'adesione di un campione di imprese abbastanza distribuito tra i diversi settori e le diverse zone fuori e dentro le Mura cittadine, interviene anche su altri temi sensibili, come quelli della sicurezza e della burocrazia, gettando luce su uno stato d'animo degli imprenditori di forte preoccupazione, ma anche, sul primo aspetto, di "grande maturità", come ha affermato il direttore Benatti.

Alla domanda: "Come giudichi l'impegno di prevenzione e vigilanza messo in atto dalle autorità competenti per la sicurezza delle imprese?", quasi il 50% risponde ritenendolo per nulla o poco adeguato, mentre il 37,8% appena minimo. Tra i problemi, certamente vi sono le misure di vigilanza e di controllo sul territorio: il 70,8% chiede infatti più controlli, il 52% più telecamere lungo le strade e nei punti strategici, il 29,2% più incentivi e risorse per l'installazione di impianti di allarme e videocamere. Ma le questioni da risolvere vanno più in profondità, perché, anzi, tra gli imprenditori è diffusa profonda solidarietà verso le forze di pubblica sicurezza, che si vorrebbero supportate da leggi più giuste ed efficaci e da una maggiore certezza della pena per chi delinque. Su questo argomento, Cna svilupperà iniziative e progetti concreti in accordo con le autorità di pubblica sicurezza e le amministrazioni locali.


Infine, conferme sulla valutazione degli imprenditori in tema di burocrazia, vista come uno tra i maggiori inciampi all'attività dell'impresa, se non il peggiore. Della quale non solo si constata la ridondanza, ma addirittura l'ulteriore aggravamento negli ultimi anni: a dispetto dei proclami e dei tentativi di digitalizzazione. Infatti, il 76,6% pensa che la burocrazia sia aumentata e addirittura molto aumentata, giudizi meno pesanti la danno almeno invariata. I soggetti principalmente esosi su questo versante sono: per il 50% l'Agenzia delle Entrate e di riscossione, il 45,2% Inail e Inps, il 43,4% il Comune; il 21,7% l'Ausl, il 6% la Provincia, il 2% la Camera di Commercio, il 2% i Vigili del Fuoco. Quanto agli adempimenti ritenuti più pesanti e/o onerosi (fino a due preferenze): per il 50% sono quelli relativi ad ambiente e sicurezza, mentre il 15,6% documentazione per la partecipazione ad appalti pubblici.

 

SCARICA IL REPORT DEL QUESTIONARIO 

 

Commenta (0 Commenti)

300 imprenditori del Comune di Ferrara rispondono al sondaggio CNA su Rifiuti, Sicurezza e Burocrazia

Sono 300 le imprese che hanno risposto al QUESTIONARIO, lanciato dall’Area CNA di Ferrara su temi “sensibili”, quali il nuovo sistema dei rifiuti, la sicurezza e la burocrazia. Per rendere ancora più stringente ed efficace la propria iniziativa di rappresentanza, l’Associazione ha voluto infatti  rendere ancora più protagonisti i propri soci, su temi strategici che li toccano da vicino. Le imprese, distribuite tra le diverse zone urbane e del Forese e tra i vari settori della produzione e dei servizi, hanno voluto dare il loro contributo segnalando problemi e criticità, ma anche avanzando proposte. Di particolare interesse i giudizi su nuovo servizio di raccolta dei rifiuti, in via di sperimentazione negli ultimi mesi nel Comune di Ferrara, sul quale gli imprenditori hanno espresso valutazioni pertinenti e suggerimenti importanti che ne possono aiutare il miglioramento.

Commenta (0 Commenti)

Seminario "Il futuro a 4 passi: le imprese artigiane verso Industria 4.0"

Argomenti trattati in questo articolo:

Seminario di CNA HUB 4.0,  CNA PRODUZIONE e CNA INDUSTRIA - MARTEDì 26 GIUGNO dalle ORE 18.00 alle ore 20.30, Sala convegni CNA Ferrara Via Caldirolo 84

Introduce e Coordina i lavori

Giampaolo Lambertini Responsabile Area Economica CNA Ferrara

Interventi

 

RIFLESSIONI E STIMOLI DALLE RISULTANZE DEI QUESTIONARI

Prof. Roberto Montanari - Cofondatore di RE:Lab e Partner Scientifico del Progetto

ACCOMPAGNAMENTO DELLE IMPRESE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI AZIENDALI

Luigi Gamberi - Direttore Commerciale IQC

DAL SUPERAMMORTAMENTO ALL'IPERAMMORTAMENTO: I VANTAGGI FISCALI

Rita Tosi - Responsabile Fiscale CNA Ferrara

LE LEVE DEL CREDITO

Barbieri Patrizia - Responsabile CNA Servizi Finanziari

LA PARTNERSHIP CON LA CAMERA DI COMMERCIO DI FERRARA

Mauro Giannattasio - Segretario Generale CCIAA Ferrara

CONCLUSIONI

Diego Benatti - Direttore CNA Ferrara

 

Per informazioni e adesioni

CNA Ferrara, via Caldirolo 84, Tel. 0532-749111.

Per iscriversi al seminario occorre compilare la scheda e spedirla via mail a Giampaolo Lambertini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o via fax allo fax 0532-749236

industria-4

Commenta (0 Commenti)

L'imprenditore edile Paolo Mazzini nuovo Presidente dell'Area CNA di Copparo

Eletto alla unanimità dall’Assemblea dei soci, alla presenza del presidente CCIAA Govoni, del Presidente provinciale Cna Bellotti e del Direttore Benatti

L’imprenditore edile Paolo Mazzini nuovo presidente dell’Area Cna di Copparo

L’imprenditore Paolo Mazzini, 37 anni, titolare di Geostrutture srl (edilizia) di Copparo è il nuovo presidente dell’Area Cna di Copparo – Berra. Lo ha eletto alla unanimità l’altra sera l’Assemblea dei soci, alla presenza del Presidente della Camera di Commercio Paolo Govoni, del Presidente provinciale della Cna Davide Bellotti e del Direttore provinciale Diego Benatti, il quale ha avanzato la candidatura alla luce dei risultati della consultazione effettuata tra gli imprenditori dirigenti locali.

Un incarico di cui Mazzini, dopo l’applauso tributatogli dalla platea, si è detto onorato, assicurando il suo impegno a far fronte alle responsabilità di direzione di un’Area che conta più di 500 imprese associate, con oltre 1500 dipendenti, una sede associativa inaugurata recentemente sulla quale l’Associazione ha investito con convinzione, ottenendo risultati di crescita molto positivi  (una crescita di imprese del 4% su base annua).

“Cercherò di essere all’altezza della fiducia che mi è stata rivolta – dichiara Paolo Mazzini – sforzandomi di essere un sicuro punto di riferimento per tutti i nostri imprenditori e imprenditrici, animato da capacità di ascolto e spirito propositivo. Certamente, farò tutto quanto mi sarà possibile, insieme ai colleghi del Direttivo, affinché le imprese divengano il centro di ogni politica amministrativa e strategia di sviluppo della nostra Area. Perché l’impresa rappresenta lavoro, ricchezza e benessere: non può esserci governo che non tenga conto del suo ruolo indispensabile”.

Nel sottolineare la volontà di rafforzare il confronto e la  collaborazione con le sei Amministrazioni comunali del Mandamento e con l’Unione dei Comuni, il nuovo Presidente sottolinea, infine, l’attenzione di Cna al tema della creazione di nuove imprese:  “Sempre di più vogliamo essere di sostegno a tutti i giovani della nostra zona che, al termine del percorso scolastico, hanno in progetto di dare vita ad una loro attività imprenditoriale, affiancandoli nel loro sforzo spesso costellato di difficoltà e ostacoli. Abbiamo bisogno di una economia che si rinnova e sa creare opportunità per le imprese, che ne rappresentano il cuore”. 

Mazzini1

Commenta (0 Commenti)

Oltre 300 tra imprenditori e professionisti, rappresentanti istituzionali e semplici cittadini a CNA in Festa

Argomenti trattati in questo articolo:

Oltre 300 tra imprenditori e professionisti, rappresentanti istituzionali e semplici cittadini all’iniziativa Cna. Collaborazione e integrazione carte vincenti per crescere. Le sei reti: Cultura, Eventi  e Società, Estensi On, Ferrara al Volo, Identitalia Group, Po Delta Tourism – Consorzio Navi del Delta e Rigenera.

A Cna in Festa protagoniste le reti, le loro idee e i progetti

Risorse preziose per la competitività di Ferrara

Uno spazio “aperto”, creato da Cna per imprenditori e professionisti, interlocutori istituzionali ed economici, ma anche a tanti ferraresi interessati a capire meglio cosa si sta facendo per l’economia e il futuro di Ferrara. “Cna in Festa: reti, idee, progetti”, nel cortile di Palazzo Roverella è stata una importante e affollata (oltre 300 gli intervenuti) occasione di incontro informale, nella quale più che ai discorsi ufficiali si è lasciato spazio agli scambi, alle conversazioni e relazioni, al racconto di esperienze e di progetti, in un clima disteso e accogliente. Percorsi, quelli delle sei reti d’impresa protagoniste dell’iniziativa, ben reali e concreti, che stanno facendo compiere al nostro territorio notevoli passi in avanti per assicurargli competitività e qualità. Ne ha preso atto il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, che dopo il taglio del nastro ha rivolto il proprio saluto agli intervenuti. “Luoghi come questo sono importanti – ha notato il sindaco – rendendo possibile mettere insieme energie e risorse facendole crescere, per rendere sempre più competitivo il nostro territorio. Se saremo in grado di lavorare insieme, potremo vincere sfide importanti”.

“Vogliamo mostrare la capacità delle nostre imprese di collaborare efficacemente e di produrre grandi risultati”, ha quindi sottolineato il presidente provinciale della Cna Davide Bellotti. Dunque, una serata all’insegna dell’ «orgoglio di fare impresa», come ha evidenziato il presidente della Camera di Commercio Paolo Govoni, e allo stesso tempo del suo valore sociale, bene comune su cui fare leva per la crescita del territorio. A Cna in festa, aperta dai ringraziamenti del direttore Diego Benatti, ha portato il saluto anche il prorettore dell’Università di Ferrara Michele Pinelli. Per l’occasione sono anche stati presentati i brand Cna Hub 4.0 e Servizio Lavoro Ecipar. Le elaborazioni video e il progetto di realtà aumentata collegato alle reti Cna è stato realizzato da Innova Media.

Sei reti imprenditoriali eccellenti, la maggior parte delle quali con già diversi anni di collaborazione al proprio attivo, che operano nei settori dei servizi, della cultura e della gestione di eventi, della moda, delle costruzioni e impianti, del turismo.

Lavorare in rete – ragiona Riccardo Cavicchi della Ati Cultura, Eventi e Società (di cui fanno parte Delphi International, Made e Sapori da mare), che gestisce gli eventi del Natale e Capodanno a Ferrara - significa mettere a frutto competenze specifiche ed elevare le potenzialità di lavoro di ciascuna impresa”. Orgogliosi del successo conseguito nei primi tre anni di attività, gli imprenditori che hanno dato vita alla Ati hanno fornito qualche qualche anticipazione sulla prossima edizione 2018-2019 del Natale – Capodanno: spettacolo delle fontane danzanti riconfermato, ma con importanti novità, e incendio del Castello con un programma particolarmente ricco e sontuoso. 

“La rete consente di distribuire oneri ed elevare i vantaggi”, sottolinea Dario Guidi portavoce di, Po Delta Tourism – Consorzio Navi del Delta. Nata con l’obiettivo di proporre un’offerta turistica strutturata, legata all’area del Mab Unesco Delta del Po e alle città d’arte di Ferrara e Ravenna Po Delta Tourism – Consorzio Navi del Delta conta 34 attività imprenditoriali, dalle imbarcazioni per il trasporto passeggeri ai servizi di guida turistica e ambientale, dalle attività di enogastronomia e ristorazione alle strutture recettive.

Sfiora ormai i 30 mila passeggeri all’anno la navetta Bus & Fly, offerta dalla rete Ferrara al Volo, promossa sette anni orsono da cinque imprese del trasporto persone, per fornire un nuovo servizio di collegamento pullman tra Ferrara e l’aeroporto Marconi di Bologna. Niente male per una realtà che, facendo leva esclusivamente sulle risorse private di ciascuna azienda, ha scommesso sulla crescita dell’influenza dell’aeroscalo di Bologna sull’economia ferrarese, e particolarmente su quella turistica.

“La rete è assolutamente indispensabile per integrare specializzazioni e competenze”, spiega l’imprenditore Riccardo Roccati, portavoce di  Rigenera,  espressione di una quindicina di aziende ferraresi delle costruzioni e impianti. La rete imprenditoriale propone interventi complessi e integrati, centrati sulla qualità e sulla misurabilità delle prestazioni, in termini di risparmio ed efficientamento energetico degli edifici, rispetto dell’ambiente ed altro ancora”. Particolare attenzione all’utilizzo degli incentivi fiscali, ecobonus e bonus sisma, o a soluzioni, come la cessione del credito.

“La rete vera e propria è stata formalizzata da un paio d’anni, ma virtualmente esiste da almeno un decennio dice Riccardo Terroni di Identitalia Group, sodalizio tra sei laboratori odontotecnici della provincia. A Cna in Festa la rete ha presentato un un innovativo progetto che gode della collaborazione dell’Enea di Faenza: allo studio un materiale a base di zirconio, idoneo per la lavorazione interamente 3D di ponti e corone dentarie, per la realizzazione di manufatti di grande qualità e precisione a costi competitivi.

Protagoniste di Estensi On sono sette imprese ferraresi del settore moda (dalle confezioni abbigliamento, alle cinture e accessori in pelle, dagli abiti da sposa e da cerimonia, alla pittura su stoffa), che si sono messe insieme per dimostrare che, collaborando, si possono raggiungere nuovi traguardi, realizzando «cose belle», ciascuno con la propria identità e l’inconfondibile marchio artigianale.  “Vogliamo comunicare – spiega la portavoce Laura Vallieri – la passione che è alla base del nostro lavoro, portando le particolarità e conoscenze legate alle nostre attività, magari traendo spunto dalla cultura e storia del nostro territorio”.

cna-in-festa

Commenta (0 Commenti)

Eventi, la sfida della sicurezza si vince attraverso responsabilità e collaborazione

Argomenti trattati in questo articolo:

Importanti contributi al convegno di Cna  “NO alla paura, SI’ alla sicurezza” sulla circolare Gabrielli. Presenti all’incontro, Prefetto e vice- prefetto, Questura,  Comuni, Vigili del Fuoco, servizi di emergenza e associazioni. Possibile un ricco calendario di manifestazioni, ma sono necessarie la programmazione e la valutazione delle misure caso per caso.

Eventi, la sfida della sicurezza si vince attraverso responsabilità e collaborazione

A Ferrara abbiamo una mole importante di eventi, molti dei quali di altissima qualità, che rappresentano un valore irrinunciabile per la coesione delle nostre comunità e per la vitalità economica del territorio, e tuttavia il valore della sicurezza deve essere posto al di sopra di tutto. L'assessore al Commercio del Comune di Ferrara, Roberto Serra, ha voluto riassumere così il nocciolo del problema, posto dalla circolare Gabrielli sulle modalità di svolgimento delle manifestazioni pubbliche, aprendo il convegno promosso da Cna Cultura, cui fanno capo le imprese del settore organizzazione e gestione eventi, con diverse specializzazioni e servizi.
Combinare una intenso e vario calendario di iniziative, di grande e piccola dimensione, garantendo, al tempo stesso, condizioni di sicurezza alle migliaia di cittadini che desiderano parteciparvi si può. E' questo l'assunto di partenza di Cna, come ha affermato, nella propria relazione introduttiva il presidente di Cna Cultura, Davide Franco, che ha dato il via ad un approfondimento a largo spettro della materia, mettendo a confronto gli organi preposti, Prefettura e Questura, Enti locali e tecnici, Corpo dei Vigili del Fuoco e Servizio di emergenza 118, Polizia Urbana e Commissioni territoriali di vigilanza, alla presenza di numerosi imprenditori e imprenditrici del settore ed esponenti di Associazioni di volontariato e Pro loco che, a vario titolo organizzano anch'esse iniziative, spesso molto radicate e sentite dalle comunità locali.
Un dialogo di tenore elevato e di merito, caratterizzato da una diffusa e convinta volontà di collaborare per la risoluzione dei problemi e la messa in atto di procedure attraverso le modalità più efficaci a garantire nei fatti il valore della sicurezza.
"Nessuno di noi vuole la desertificazione del territorio. E tuttavia - ha messo in chiaro la dottoressa Adriana Sabato, vicario del prefetto e presidente della Commissione provinciale di vigilanza locali di pubblico spettacolo - i costi per la sicurezza non possono essere sottoposti al ribasso, ma anzi sono i benvenuti". La sicurezza come bene condiviso, che può essere assicurata attraverso il criterio della massima programmazione possibile degli eventi, in modo tale da esaminare con calma le misure di sicurezza idonee per lo svolgimento in sicurezza di ciascuno di essi.
Nessun bignamino da rispettare, quindi, ma una valutazione di merito basata sulle caratteristiche di ogni manifestazione e dei possibili rischi per la sicurezza, fondata sulla responsabilità in prima persona degli organizzatori. La carta vincente non può, comunque, che essere la collaborazione tra i soggetti promotori privati e le istituzioni autorizzative, di vigilanza e controllo, "fin dalle fasi di ideazione dell'evento – ha puntualizzato il Capo di gabinetto della Polizia, dott. Pietro Scroccarello - consentendo di affrontare al meglio la gestione della sicurezza con criteri di gradualità".
Un modello di concertazione già in atto a Ferrara, che ha permesso di gestire eventi importanti. Ed è, appunto alla "ricerca di un modello e di una strategia di collaborazione e di gestione di iniziative, capaci di offrire al territorio cultura e sviluppo, che Cna ha puntato con questa iniziativa - ha sottolineato il presidente provinciale della Cna Davide Bellotti – con l'intento di offrire strumenti di conoscenza e opportunità reali alle imprese per la loro crescita".
Di spunti positivi e utili ha infine parlato il Prefetto di Ferrara, dott. Michele Campanaro, che ha fatto riferimento al valore importante della collaborazione inter-istituzionale e della prevenzione. "Se la sicurezza va collocata al primo posto – ha concluso il Prefetto – i due pilastri che rendono possibile garantirla sono quelli del buon senso e della valutazione caso per caso. Ciò rende la sfida sul territorio ancora più avvincente".

 

Commenta (0 Commenti)

Lunedì 28 maggio, convegno di Cna Cultura sulla circolare Gabrielli.

Argomenti trattati in questo articolo:

Presenti all’incontro, le imprese del settore, il Prefetto e il Vice-questore, i Comuni, servizi di emergenza e associazioni. 

Cna: La sicurezza al primo posto, attraverso la collaborazione

possibile realizzare la più ampia gamma di eventi e manifestazioni

 

La cosiddetta circolare Gabrielli, volendo porre le basi perché non si ripetano più tragici incidenti come quelli di Torino, mette giustamente al centro di qualsivoglia manifestazione pubblica la salvaguardia della sicurezza delle persone su più versanti: dalla "safety", le misure strutturali da osservare per garantire l'incolumità dei cittadini, alla security, cioè i requisiti cui devono attenersi servizi d'ordine e sicurezza pubblica.

La nuove disposizioni del capo nazionale della Polizia di Stato hanno, però, sollevato una serie di problemi a cascata sulla promozione di eventi in generale, momenti particolarmente importanti per la vita delle comunità locali, ma anche per i fattori economici e le politiche di sviluppo turistico cui sono collegati.

 

Numerosi i soggetti in qualche modo investiti dalle nuove disposizioni: i privati, e cioè l'ampia articolazione di imprese della cultura e organizzazione di eventi sul territorio che vive e lavora sulla promozione di iniziative, o la miriade di associazioni culturali e ricreative locali; i soggetti pubblici, dagli organi di Pubblica Sicurezza alle Amministrazioni comunali, dai Vigili del fuoco ai servizi di emergenza 118.

 

Una prima importante occasione di confronto tra tutti questi attori, in diversa misura coinvolti dalla Gabrielli è costituita dal convegno, promosso da Cna Cultura per lunedì 28 maggio, a partire dalle ore 15, presso la sede provinciale della Cna, che sarà concluso dal Prefetto di Ferrara, dott. Michele Campanaro. Il tema del workshop è netto: "Circolare Gabrielli: NO alla paura, SI' alla sicurezza", ossia come garantire questo indispensabile requisito e, al tempo stesso, mantenere il vivace e intenso calendario di iniziative di grande e piccola dimensione che anima, durante l'anno, la vita delle più diverse località della nostra provincia.

 

"Confronto e formazione sono le direttrici su cui ci muoveremo – sottolinea Davide Franco, presidente provinciale di Cna Cultura – Da un lato, vogliamo focalizzare, insieme alle imprese, l'insieme delle disposizioni della Gabrielli, nella convinzione che, comunque, la sicurezza deve essere messa al primo posto. Dall'altra, vorremmo individuare le modalità pratiche di applicazione della circolare, attraverso un rapporto di positiva e stretta collaborazione con le istituzioni, che ringrazio per avere assicurato la loro presenza al nostro workshop. Magari si potrebbero definire procedure standard, che consentano appunto la realizzazione pratica della più ampia e diversificata gamma di eventi e manifestazioni possibile".

 

Questo il programma del workshop, che alle 15 si apre con i saluti di Roberto Serra, assessore al Commercio del Comune di Ferrara; subito dopo, l'introduzione di Davide Franco, presidente di Cna Cultura. Quindi, gli interventi sui diversi punti sollevati dalla circolare: "Gli aspetti operativi della safety e della security nella gestione degli eventi", parlano dalla dott.ssa Adriana Sabato, Vicario del Prefetto e presidente della Commissione provinciale di vigilanza locali di pubblico spettacolo (Cpvllps); Pietro Scroccarello Capo gabinetto e Vice Questore Polizia di Stato; Walter Tuzi, Direttore Vice dirigente Vigili del Fuoco; Flavio Ferioli, responsabile del Servizio Emergenze territoriale 118. Quindi, sarà la volta delle esperienze realizzate da alcune Amministrazioni comunali: interventi di Simone Maccaferri, Vice sindaco e assessore al Commercio del Comune di Cento, Claudio Fedozzi, dirigente del settore Territorio e sviluppo economico del Comune di Comacchio, Simone Saletti, Vice sindaco e assessore comunale alla Promozione del territorio del Comune di Bondeno, Carlo Ciarlini, Comandante della Polizia Municipale delle Unioni Comuni "Valli e delizie" e "Terre e fiumi". Della gestione degli eventi nel Comune di Ferrara tratteranno infine Paolo Vettorello, esperto di modelli organizzativi applicati dello Studio Sigfida e Aldino Bottura, presidente Commissione comunale di vigilanza locali di pubblico spettacolo (Ccvllps) .

 

Conclusioni del presidente provinciale della Cna, Davide Bellotti e del Prefetto di Ferrara, dott. Michele Campanaro. I lavori del workshop sono moderati da Riccardo Cavicchi, Presidente dell'Area territoriale Cna di Ferrara e componente del Direttivo di Cna Cultura

 

Commenta (0 Commenti)

Workshop di CNA Cultura "Circolare Gabrielli - No alla paura, Sì alla Sicurezza" - Lunedì 28 ore 15

Argomenti trattati in questo articolo:

Per comprendere meglio la portata della Circolare Gabrielli sulla gestione degli eventi, CNA Cultura organizza un workshop di aggiornamento che vedrà la partecipazione di tutti gli attori coinvolti nel processo, dalla progettazione all'autorizzazione e verifica, fino all'attuazione.

Ecco il programma

  

Ore 14.30       Registrazione dei partecipanti

Ore 15.00       Saluti: Roberto Serra, Assessore Commercio, Comune di Ferrara

                          Introduzione: Davide Franco, Presidente CNA Cultura Ferrara

Modera: Riccardo Cavicchi, Presidente CNA Area Territoriale di Ferrara

Ore 15.20      GLI ASPETTI OPERATIVI DELLA SAFETY E DELLA SECURITY NELLA GESTIONE

                      DEGLI  EVENTI

                      A. Sabato, Vicario del Prefetto e Presidente C.P.V.LL.P.S.

                      P. Scroccarello, Capo Gabinetto e Vice Questore Polizia di Stato

                      W. Tuzi, DVD Vigili del Fuoco

                      F. Ferioli, Resp. Servizio Emergenze Territoriale 118

                      (Al termine di ogni intervento 5 minuti di domande dal pubblico)

Ore 16.40      ESPERIENZE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

                      COMUNE DI FERRARA    

                       L. Trentini, Comandante P.M. *

                      COMUNE DI CENTO         

                      S. Maccaferri, Vice Sindaco e Assessore Commercio; F. Balderi, Ispettore. P.M.

                      COMUNE DI COMACCHIO

                      C. Fedozzi, Dirigente – Settore Territorio e Sviluppo Economico *

                      COMUNE DI BONDENO  

                      S. Saletti, Vice Sindaco e Assessore Promozione del Territorio

                      UNIONI COMUNI “VALLI E DELIZIE” E “TERRE E FIUMI”

                      C. Ciarlini, Comandante P.M.        

                      (Domande dal pubblico - 10 minuti)                                        * In attesa di conferma

Ore 18.00       CASE HISTORY:  LA GESTIONE DEGLI EVENTI NEL COMUNE DI FERRARA

                        P. Vettorello, Esperto di modelli organizzativi applicati – Studio Sigfida

                        A. Bottura, Presidente C.C.V.LL.P.S

Ore 18.30        CONCLUSIONI

                        Davide Bellotti, Presidente Provinciale CNA

                        Michele Campanaro, Prefetto di Ferrara

Per comprendere meglio la portata della Circolare Gabrielli sulla gestione degli eventi, CNA Cultura organizza un workshop di aggiornamento che vedrà la partecipazione di tutti gli attori coinvolti nel processo, dalla progettazione all'autorizzazione e verifica, fino all'attuazione.

Ecco il programma

  

Ore 14.30       Registrazione dei partecipanti

Ore 15.00       Saluti: Roberto Serra, Assessore Commercio, Comune di Ferrara

                          Introduzione: Davide Franco, Presidente CNA Cultura Ferrara

Modera: Riccardo Cavicchi, Presidente CNA Area Territoriale di Ferrara

Ore 15.20      GLI ASPETTI OPERATIVI DELLA SAFETY E DELLA SECURITY NELLA GESTIONE

                      DEGLI  EVENTI

                      A. Sabato, Vicario del Prefetto e Presidente C.P.V.LL.P.S.

                      P. Scroccarello, Capo Gabinetto e Vice Questore Polizia di Stato

                      W. Tuzi, DVD Vigili del Fuoco

                      F. Ferioli, Resp. Servizio Emergenze Territoriale 118

                      (Al termine di ogni intervento 5 minuti di domande dal pubblico)

Ore 16.40      ESPERIENZE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

                      COMUNE DI FERRARA    

                       L. Trentini, Comandante P.M. *

                      COMUNE DI CENTO         

                      S. Maccaferri, Vice Sindaco e Assessore Commercio; F. Balderi, Ispettore. P.M.

                      COMUNE DI COMACCHIO

                      C. Fedozzi, Dirigente – Settore Territorio e Sviluppo Economico *

                      COMUNE DI BONDENO  

                      S. Saletti, Vice Sindaco e Assessore Promozione del Territorio

                      UNIONI COMUNI “VALLI E DELIZIE” E “TERRE E FIUMI”

                      C. Ciarlini, Comandante P.M.        

                      (Domande dal pubblico - 10 minuti)                                        * In attesa di conferma

Ore 18.00       CASE HISTORY:  LA GESTIONE DEGLI EVENTI NEL COMUNE DI FERRARA

                        P. Vettorello, Esperto di modelli organizzativi applicati – Studio Sigfida

                        A. Bottura, Presidente C.C.V.LL.P.S

Ore 18.30        CONCLUSIONI

                        Davide Bellotti, Presidente Provinciale CNA

                        Michele Campanaro, Prefetto di Ferrara

Commenta (0 Commenti)

Oltre 200 imprenditori, in Cna, fanno i conti con la nuova normativa europea. Si rischiano pesanti sanzioni

Argomenti trattati in questo articolo:

Privacy, la tutela dei dati sensibili determinante per il business delle imprese

Il 25 maggio, data dell'entrata in vigore del nuovo Regolamento sulla privacy, incombe e le imprese si preparano ad adeguarsi alle nuove disposizioni europee, anche se alla data odierna mancano ancora decreti di recepimento della normativa per il nostro Paese. E, tuttavia, l’attenzione (e la preoccupazione) cresce, anche per l’onerosità delle sanzioni previste per coloro che non si adegueranno al nuovo sistema di regole.

Sono stati oltre 200 gli imprenditori e le imprenditrici che hanno partecipato all’incontro tenutosi l’altra sera, presso la sede della Cna, con la presenza di esperti del settore e giuristi. "Ci auguriamo che, in questa prima fase, prevalga il buon senso, tenendo presenti le difficoltà che dovranno affrontare le aziende, dovute all’entità e impatto delle misure da applicare", ha affermato Maria Emma Bolognesi, responsabile dell'Area Cna dei Servizi, aprendo il seminario.

“La nuova materia - ha aggiunto la responsabile del Servizio Privacy della Cna, Marika Ganzaroli - sollecita un cambio di mentalità importante negli stessi imprenditori, cui è affidata la responsabilità di salvaguardare i dati sensibili della propria azienda, attraverso il criterio della cosiddetta accountability.  In realtà le informazioni in possesso di ogni impresa costituiscono un patrimonio rilevante, da preservare non solo per tutelarne la segretezza, impedendone la manipolazione e l’uso fraudolento, ma lo stesso business”.

La materia della privacy investe quindi ciascuna impresa, indipendentemente dalle dimensioni e dal settore di attività, e le aziende intervenute al seminario della Cna, anche con il contributo degli approfondimenti degli avvocati Milena Nappo e Marco De Nunzio e dell'esperto informatico Giuseppe Adduce, se ne sono rese ampiamente conto. Ciascun imprenditore, infatti, dovrà eseguire una autovalutazione dei rischi per la sicurezza dei dati della propria azienda, sulla base dei trattamenti effettuati, individuando le misure da attuare per tutelare i dati dei propri clienti e fornitori. Il compito che si è prefissa Cna è di aiutare tutte le imprese, anche le più piccole e meno strutturate, ad attuare le nuove regole, con i minori disagi possibili, sviluppando procedure e sistemi in grado di salvaguardarne il patrimonio di dati e informazioni sui quali è basata la loro attività.

Evento Privacy CNA

Commenta (0 Commenti)

CNA IN FESTA: Reti, idee, progetti - Giovedì 24 maggio ore 19 Cortile di Palazzo Roverella

Argomenti trattati in questo articolo:

Sarà il giardino di Palazzo Roverella a fare da cornice a "CNA in Festa", una serata elegante nella quale CNA desidera presentare alla città le reti, i progetti e le idee per l'innovazione e lo sviluppo delle imprese. Un momento conviviale per conoscere, con gli strumenti della Realtà aumentata, alcune delle sinergie virtuose che arricchiscono il nostro territorio.

 

PROGRAMMA

ore 19.00 Saluto delle autorità

ore 19.30 Aperitivo con DJ set e presentazione dei progetti di rete tramite Realtà Aumentata

 

PARTECIPANO

TRASPORTO Ferrara al Volo - Bus & Fly

TURISMO PoDeltaTourism

FORMAZIONE Ecipar lavoro

SERVIZI Identitalia Group

CULTURA Natale e Capodanno a Ferrara

MODA EstensiON

PRODUZIONE CNA Hub 4.0

EDILIZIA Rigenera


La serata è aperta a tutti.

 

Per informazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0532-749111

 

 

locandina cna in festa DEF LOW

 

Commenta (0 Commenti)

FATTURA ELETTRONICA Carburanti e subappalti pubblici – Nuovi obblighi dal 1 luglio. Seminario di CNA, per non trovarsi impreparati

Argomenti trattati in questo articolo:

CNA organizza un seminario per i soci per non trovarsi impreparati

LUNEDÌ 14 MAGGIO ORE 18.00 SALA CONVEGNI PRESSO CNA FERRARA

È un'iniziativa aperta solo alle imprese socie con il servizio fiscale in CNA

      

Relatore:

Rita Tosi, Responsabile Area Fiscale CNA Ferrara.

 

PER INFO E ADESIONI
CNA Ferrara, via Caldirolo 84, Tel. 0532-749111.
Per iscriversi occorre compilare la scheda e spedirla via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o via fax allo fax 0532-749236.

 

 

CONSULTA I MATERIALI DEL SEMINARIO 

Commenta (0 Commenti)

Chiusura del Ponte sul Po, iniziative di mobilitazione degli imprenditori dopo il No di Trenitalia alle fermate aggiuntive dei treni

Argomenti trattati in questo articolo:

Chiusura del Ponte sul Po, il presidente dell'Area Cna Cavicchi preannuncia iniziative di mobilitazione degli imprenditori associati di fronte all'emergenza collegamenti tra le due sponde
Disappunto di Cna per il No di Trenitalia alle fermate aggiuntive dei treni
Disservizio per i pendolari che non possono muoversi in auto
Il presidente dell'Area Cna di Ferrara, Riccardo Cavicchi, esprime il forte disappunto dell'Associazione per il NO di Trenitalia all'istituzione di fermate aggiuntive a Occhiobello e Pontelagoscuro, durante i mesi di chiusura del Ponte sul Po. "Una decisione – puntualizza Cavicchi – tanto più incomprensibile, in quanto fa riferimento ad un periodo, quello estivo, che consentirebbe di calibrare preventivamente, e senza disagi per gli utenti, orari e corse, recuperando agevolmente gli eventuali minuti di ritardo dovuti alle nuove fermate".
"In ogni caso, l'aggiunta delle fermate – precisa il presidente Cavicchi - potrebbe interessare i treni a maggior afflusso di pendolari che, in mancanza di questa possibilità, si troverebbero immobilizzati, non potendo utilizzare l'auto per spostarsi da una sponda all'altra del Po".
Un servizio, dunque, assolutamente indispensabile. "Da questo punto di vista – conclude il presidente Cna dell'Area di Ferrara - ritengo che la facilitazione concessa da Società Autostrade per gli autovelox sulla tratta Ferrara Nord - Occhiobello risolva solo parzialmente il problema. Abbiamo già scritto una missiva di sollecito a Trenitalia, ne scriveremo una seconda per comunicare tutta la nostra insoddisfazione per la sordità e mancanza di collaborazione manifestata a quella che si presenta come una vera emergenza per le utenze di due aree strategiche".
A questo punto, l'Associazione, che ha già in corso contatti con le Cna di Occhiobello e Rovigo, anticipa la propria volontà di coinvolgere e sensibilizzare le proprie 5000 imprese associate, oltre che tutti gli imprenditori direttamente interessati al problema, intraprendendo iniziative di mobilitazione e protesta nelle sedi opportune.

Commenta (0 Commenti)

COME ADEGUARSI AL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY - Giovedì 17 maggio ore 18

Argomenti trattati in questo articolo:

COSA CAMBIA CON IL GDPR 679/2016?

Seminario CNA Ferrara - Giovedì 17 maggio ore 18.00

SALA CONFERENZE CNA FERRARA, VIA CALDIROLO 84
L’incontro è gratuito ma occorre iscriversi
 

Con il regolamento GDPR, che diventerà operativo il 25 maggio 2018, inizia una nuova epoca sulla tutela dei dati personali. Il cambiamento sarà rilevante e in parte imposto dall’evoluzione tecnologica, anche della “comunicazione”, che ha superato da tempo i vecchi confini.
Privacy by design, Privacy by default, registro delle attività, accountability, data breach, portabilità dei dati, data protection officer: queste sono le parole d’ordine della nuova riservatezza, cerchiamo di fare chiarezza sui nuovi obblighi con l’aiuto di importanti consulenti del settore.
Per supportare le imprese nel districato labirinto delle nuove disposizioni, CNA ha organizzato un evento nel quale tratteremo i nuovi adempimenti, a che cosa servono, quando bisogna farli, chi deve farli e le conseguenze nel caso di non gestione degli obblighi imposti.
 

Parleremo di:
Introduzione al GDPR e principali novità: breve analisi della normativa per fornire chiarezza sui nuovi adempimenti e le conseguenze nel caso di mancata gestione dei nuovi obblighi. Relatori: Avv. Milena Nappo e Avv. Marco De Nunzio

 

iqc

• Contromisure tecniche e organizzative per la sicurezza dei dati: verranno esplicitate i comportamenti corretti per la buona gestione delle infrastrutture per evitare i “rischi informatici”. Relatore: Dott. Giuseppe Adduce

Invitiamo gli Imprenditori e i loro collaboratori a partecipare per comprendere la “nuova valutazione dei rischi”

PER INFO E ADESIONI
CNA Ferrara, via Caldirolo 84, Tel. 0532-749111.
Per iscriversi al seminario occorre compilare la scheda di adesione e spedirla via mail ad Emanuele Selvatici (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) o via fax allo fax 0532-749236 entro il 16/05.

evento-privacy

Chiusura del ponte sul Po - Esenzione del pedaggio primo fatto positivo ma non basta

Argomenti trattati in questo articolo:

Transito autostradale gratuito un primo fatto positivo ma occorre trovare soluzioni con i Comuni veneti per migliorare gli scambi tra le due sponde

Dichiarazione del Presidente dell'Area Cna di Ferrara Riccardo Cavicchi sui disagi legati alla chiusura del Ponte sul Po. Verificare la disponibilità di Trenitalia su fermate e treni

La notizia della decisione della Società Autostrade di rendere temporaneamente gratuito ai possessori di Autovelox il transito sulla A13 tra i caselli di Ferrara – Nord e Occhiobello rappresenta senza dubbio un primo fatto positivo. Si delinea così, dopo la disponibilità di Trenitalia a incrementare le soste intermedie lungo la tratta – dichiarazione che, comunque, dovrà essere verificata nei fatti - un percorso rivolto alla attenuazione di alcuni tra i più rilevanti disagi che, comunque, si creeranno nei prossimi mesi con la chiusura del Ponte sul Po.

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, saranno le economie dei territori in prossimità delle due sponde a risentire più pesantemente, oltre ai lavoratori e pendolari più direttamente interessati, delle difficoltà nei collegamenti e per un lungo periodo. Per questo Cna Ferrara, a seguito della disponibilità già data dal Comune di Occhiobello, in accordo con Cna Rovigo, si attiverà nei confronti anche delle altre Amministrazioni comunali competenti, per ragionare più complessivamente su soluzioni strutturali di lunga durata che garantiscano il rafforzamento reciproco degli scambi economici e commerciali in un'ottica di sviluppo più ampiamente inteso.

 

 

Commenta (0 Commenti)

UNIVERSAL JS DAY

Argomenti trattati in questo articolo:

Si avvicina la due giorni Javascript che si terrà presso la sede CNA di Ferrara organizzata da FerraraJS e dal GrUSP

Il programma prevede due diversi momenti: 

 

WORKSHOP REACT NATIVE - 19 APRILE 

Rivolto a chi ha sperimentato le potenzialità di React.js e vuole affacciarsi al mondo dello sviluppo mobile, ma anche a sviluppatori mobile che vogliono integrare il loro sviluppo nativo con nuove tecnologie.
Il docente
Matteo Manchi (@matteomanchi) è un fullstack developer, fondatore della community RomaJS e CEO di un'agenzia di consulting e sviluppo software. Negli ultimi anni si è specializzato nello sviluppo frontend, prima con React.js, poi con React Native.

 

LA CONFERENZA Universal JS Day 2018 - JavaScript per app multipiattaforma - 20 APRILE

Un evento che radunerà tanti tecnici e appassionati del linguaggio Javascript con l'obiettivo di discutere assieme tramite talk e laboratori di come questo linguaggio possa migliorare ed ampliare il target delle app mobile, e comprendere i nuovi orizzonti dello sviluppo di applicazioni multipiattaforma integrate in cloud.

  

Per info e prenotazioni:
http://2018.universaljsday.com/

universal js day

 

 

Commenta (0 Commenti)

CNA premia il Bagno Ristorante Europa di Portogaribaldi: un'impresa familiare che dà valore al territorio da più di 60 anni

Un riconoscimento alla storia di una impresa, il Bagno Ristorante Europa di Portogaribaldi, capace di trarre la propria forza dall’unità della famiglia e dalla sue radici – antiche di decenni – nella propria comunità locale. Una storia di ristoratori che amano tramandare, di generazione in generazione, vecchie ricette nate tra le valli e i Trepponti: brodetto d’anguilla a «becco d’asino», anguilla anguilla nella verza, risotto di pesce…, proponendole come parte fondante della propria identità. E che a questa missione hanno dedicato il lavoro di una vita, facendone ancora oggi una passione ben viva e largamente apprezzata.

E’ questo percorso imprenditoriale che Cna ha voluto premiare, consegnando alla famiglia Barillari – Fantini, che gestisce il Bagno Ristorante, una targa celebrativa per i 63 anni e oltre di attività, facendone un esempio emblematico di un modo di fare impresa che ha contribuito largamente a dare valore all’economia comacchiese e al territorio del Delta più in generale. “Un’azienda e una famiglia immerse profondamente in questo territorio – ha sottolineato Davide Bellotti, presidente provinciale della Cna, consegnando ai titolari dell’Europa la targa celebrativa – che confermano come qui la storia dell’uomo sia profondamente integrata con l’ambiente, contribuendo a quelle tipicità e tradizioni che costituiscono oggi la leva preziosa di un progetto di sviluppo innovativo, basato sulle identità culturali come fattore di unicità fortemente attrattivo”.

Un modo di fare impresa basato sulla famiglia (a tutt’oggi sino impegnati nella gestione dell’attività di ristorazione e balneare 12 persone, tra padri, madri, figli e nipoti), ha ricordato Paolo Govoni, presidente della Camera di Commercio di Ferrara, modello di una economia che vede al centro le persone e il loro contributo alla comunità locale.

Un ringraziamento sentito, a nome di tutta la famiglia, è stato espresso da Gino Barillari, attuale amministratore delegato dell’Europa che ha voluto ricordare, commosso, anche i legami con la propria affezionata clientela, generazione dopo generazione. Sempre lì, in via dei ille, fin da quando Portogaribaldi era un semplice agglomerato di stabilimenti in legno, poco più di palafitte, come quella su cui è stato costruito l’Europa.

30710442 1941143045927952 3429709029998329856 o

Manutenzione del verde - Cna vuole tutelare le imprese del settore contro la concorrenza del lavoro nero

Argomenti trattati in questo articolo:

Manutentori del verde, un mestiere in crescita. Poco meno di 150 le aziende nella provincia. L'imprenditore Paolo Carletti portavoce delle imprese Cna.

manutentore del verde Cna tutela i lavoratori
Cna vuole tutelare le imprese del settore contro la concorrenza del lavoro nero. Nominato il portavoce della categoria

Dal tradizionale giardiniere all'arboricoltore, dall'esperto di piante ornamentali all'architetto paesaggista: i mestieri legati alla manutenzione e alla progettazione del verde sono numerosi e sempre più richiesti. Cna Ferrara ha voluto dare rappresentanza alle imprese di questo settore in crescita, anche alla luce delle novità recenti legate alle detrazioni fiscali previste dal "Bonus Verde" e alla delibera regionale del 26 marzo scorso, che disciplina questa attività, dettando precisi obblighi formativi e richiedendo specifiche competenze professionali. "Sono poco meno di 150 le aziende che si occupano di manutenzione del verde in provincia di Ferrara, sia per i privati che per le amministrazioni pubbliche - spiega Lorenzo Folli, responsabile di Cna Servizi alla Comunità – e la nostra Associazione ne rappresenta una considerevole parte. Il nostro intento è di dare voce alle loro esigenze individuando politiche e iniziative opportune atte a sostenere lo sviluppo della loro attività".
Per questo, nel primo incontro della categoria che si è tenuto l'altra sera, sono stati decisi il portavoce provinciale, l'imprenditore centese Paolo Carletti e tutta una serie di attività, sia di carattere formativo che sindacale, anche per dare maggiore visibilità a queste imprese. Le opportunità di crescita di questo mestiere sono infatti significative, a partire dal Bonus che riserva detrazioni pari al 36%, fino ad un massimo di 5 mila euro, per interventi straordinari di sistemazione del verde da parte di privati cittadini. L'altro binario di iniziativa sindacale della Cna è costituito dalla valorizzazione e tutela della professionalità delle imprese del settore, costantemente sottoposte alla concorrenza sleale del lavoro nero. La nuova disciplina regionale del settore introduce, a questo proposito, selettivi criteri di qualità e competenza, come fattori di garanzia sia per i cittadini, che per la stessa qualità urbana e ambientale più complessivamente intesa: beni collettivi da salvaguardare, a cui le imprese del settore contribuiscono direttamente attraverso la loro attività.

Commenta (0 Commenti)

Dal 25 maggio nuove regole in materia di Privacy

Argomenti trattati in questo articolo:

Dal 25 maggio 2018, si legge nel Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 75 , le disposizioni di diritto europeo acquisteranno efficacia ed «il vigente codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al D.Lgs. n. 196/2003, sarà abrogato e la nuova disciplina in materia sarà rappresentata principalmente dalle disposizioni del suddetto regolamento immediatamente applicabili e da quelle recate dallo schema di decreto volte ad armonizzare l’ordinamento interno al nuovo quadro normativo dell’Unione Europea in tema di tutela della privacy».

 

A tale proposito ricordiamo alle imprese il nostro servizio privacy per la consulenza diretta e i seminari che si terranno nelle prossime settimane.

1) Le principali novità privacy con un focus sulle imprese del settore sanitario

 Rivolto a tutte le imprese socie e non

Data dell'evento

12 aprile 2018 - dalle ore 14.30 alle ore 17.30 presso la sede provinciale – sala direzione

Costo di partecipazione

Euro 30,00 per le imprese non socie

Euro 20,00 per le imprese socie

 

Attestato

Verrà rilasciato apposito attestato di partecipazione

 scarica scheda di adesione al seminario

 

2) Cosa cambia con il nuovo GDPR 2018 – (regolamento europeo sulla privacy)

Rivolto a tutte le imprese socie e non

Data dell'evento

17 maggio 2018 - 18.00 Sala Convegni CNA Ferrara, via Caldirolo 84. 

 

Attestato

Verrà rilasciato apposito attestato di partecipazione

 

Guarda i dettagli dell'evento

Commenta (0 Commenti)

CNA e L'Esenzione del Pedaggio Autostrade

La protesta della Cna sul NO della Società Autostrade all’esenzione dal pedaggio durante i lavori al Ponte sul Po

Cavicchi, presidente Area Cna di Ferrara: non si può lucrare sul disagio alla popolazione derivante dalla chiusura del Ponte.

Il «no» di Autostrade per l’Italia alla esenzione dal pedaggio nel tratto della A13 compreso tra i caselli di Ferrara Nord e Occhiobello, trova la Cna in assoluto disaccordo, tanto che, nella giornata odierna, l’Associazione ha deciso di inviare una lettera alla stessa Società autostradale per esprimere il proprio disappunto e le argomentazioni a supporto della gratuità lungo la tratta, per il periodo dei lavori di ripristino del Ponte sul Po.

“Ritengo – argomenta Riccardo Cavicchi, presidente dell’Area Cna di Ferrara – che il Ministero debba intervenire, a questo proposito, con chiarezza e determinazione, tenendo conto che si tratta di lavori assolutamente impegnativi, che creeranno forti disagi a tutta la popolazione e alle imprese, paragonabili ad una situazione di emergenza. Tra l’altro, non siamo di fronte alla prospettiva di un mancato incasso da parte della Società Autostrade, tenendo conto del considerevole aumento dei mezzi che percorreranno, nei prossimi mesi, il tratto tra Ferrara Nord e Occhiobello durante il periodo di chiusura del Ponte. Non riteniamo giusto lucrare su una situazione di disagio, della quale gli utenti non hanno alcuna responsabilità. E, su questo, intendiamo far pesare tutta la forza della nostra Associazione nelle sedi più opportune”.

Di qui la lettera ad Autostrade per l’Italia di sollecito della eliminazione del pedaggio, mentre una seconda missiva è stata indirizzata da Cna alle Ferrovie dello Stato, alle quali si chiede l’aumento delle fermate dei treni regionali a Pontelagoscuro e S. Maria Maddalena, nelle fasce di maggiore afflusso e facilitazioni per gli utenti che viaggeranno su questo percorso.

Commenta (0 Commenti)

Giornate di Orientamento alla imprenditorialità

Giornate di Orientamento alla imprenditorialità
Il lavoro e l’impresa, le aspirazioni dei giovani in visita alle imprese eccellenti della Cna

Primo, trovare lavoro. E’ chiaro l’obiettivo per i 550 giovani delle quarte e quinte classi superiori, in visita  presso le piccole e medie imprese ferraresi, in occasione della seconda e ultima delle Giornate di Orientamento alla imprenditorialità, organizzate dalla Cna di Ferrara. Così Houssine, della VA dell’Iti di Portomaggiore, impegnato, con la sua classe, ad esplorare il funzionamento dell’azienda Iosco Cablaggi di Argenta, che già ha una idea su dove troverà occupazione dopo il diploma. Una occupazione, prima di tutto. Per guadagnare e, quindi, per vivere, gli fa eco il 18enne coetaneo Matteo. Marco, invece, nonostante l’indirizzo tecnico di studi, sa già che farà l’imprenditore nel settore della moda come suo padre,  una propensione maturata recentemente, con convinzione. Ma è una mosca bianca, perché la maggior parte dei ragazzi in visita alle imprese, accolti con grande attenzione e disponibilità dagli imprenditori, hanno in testa un lavoro dipendente.

Entrambe le attività, tanto quella del lavoratore che dell’imprenditore, sostiene Tiziano Realdini, titolare della Trt di Runco, azienda di 15 dipendenti che produce particolari meccanici, possono comunque essere svolte con soddisfazione. “Certo – aggiunge Realdini – il mestiere dell’imprenditore richiede un po’ più di impegno e maggiori sforzi, serve davvero la voglia di farlo. Ma, con la volontà e un po’ di fortuna, si può senz’altro riuscire”.

Antonio Leonigro, insegnante dell’Ipsia di Argenta che accompagna le quinte A e B alla Cpm di Claudio Castaldini a Portomaggiore, è convinto che questa immersione dei giovani nel mondo dell’impresa sia utilissima, che serva loro a conoscere meglio “la vita reale”. La realtà dopo la scuola è per Luca la ricerca di una occupazione retribuita, condizione essenziale per vivere, senza escludere la passione, perché “non averla significa sprecare la propria vita”.

Questi i nomi di tutte le imprese impegnate nel programma dell’ultima delle due Giornate di orientamento all’imprenditorialità, promosso dalla Cna: Cablaggi Iosco srl (Argenta - assemblaggi, cablaggi elettrici e montaggi elettromeccanici), Cappelli Ricami srl (Bondeno – ricami di precisione), Cpm di Castaldini Stefano srl (Portomaggiore - costruzioni meccaniche), Delphi International srl (Ferrara – comunicazione e marketing), Dinamica Media srl (Ferrara - web agency e marketing), Intraprese fotografiche (Ferrara – fotografia, graphic design e soluzioni web), La Salani srl (Copparo – prodotti panificazione e pasticceria), Logikamente di Ciammarughi Stefano & C. snc. (Ferrara – agenzia web e software house), Oberti srl (Ferrara - riparazioni elettromeccaniche e vendita macchine elettriche), Officina meccanica Mingozzi Franco & C. sas (Ferrara – autoriparazione e centro revisione), Scacco matto (Portomaggiore - servizi per la salute mentale, recupero disabili psichici), Seba protezione srl (Cento - dispositivi di protezione individuale, antinfortunistica), Società Agricola Pomposa di Vittorio Scalambra e C. sas. (Pomposa -azienda vinicola), Suono e immagine di Franco Davide e C. snc (Ferrara - impianti audio – video e luci per eventi), Torrefazione Caffè Krifi (Ferrara – torrefazione caffè), Trt di Realdini Tiziano & C. sas (Portomaggiore - torneria e fresatura meccanica costruzione parti meccaniche), Vetreria Box Doccia S. Agostino (S. Agostino - lavorazione vetro, box doccia e arredobagno). Gli Istituti scolastici coinvolti nel programma delle visite sono: di Ferrara, IT Bachelet, IIS Carducci, Istituto Vergani – Navarra, IPSIA Copernico – Carpeggiani; di Cento, IIS Carducci sede di Bondeno, IIS Bassi Burgatti e IIS Fratelli Taddia; IISS Montalcini sedi di Argenta e di Portomaggiore; Istituto Guido Monaco da Pomposa di Codigoro; IISS Remo Brindisi di Lido degli Estensi.

CPM3dinamicaLogikamenteTRT

 

Commenta (0 Commenti)

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!