Normative e Servizi

La disciplina dei “beni significativi” dopo l’interpretazione autentica della Legge di Stabilità 2018 (CM n. 15 del 12/07/2018)

L’Agenzia delle Entrate fa maggior chiarezza sui beni significativi DM 29/12/1999 e su come incidono nella agevolazione Iva al 10% avente ad oggetto gli interventi di manutenzione ordinaria/straordinaria realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata dipendenti da contratto di appalto, di prestazione d’opera e di fornitura con posa.

Parti staccate

Con un’interpretazione autentica, la Legge di Stabilità 2018 ha confermato che per individuare la base imponibile su cui applicare l’aliquota Iva del 10% ovvero quella del 22%, non va sommato al valore dei beni significativi quello delle “singole parti o pezzi staccati che li compongono”. Questa regola, però, vale solo se la parte staccata del bene significativo “da installare” ha un’autonomia funzionale rispetto al bene significativo stesso. Se, invece, la parte staccata concorre alla normale funzionalità del bene significativo “da installare” (quindi, non ha propria autonomia funzionale), il suo valore deve confluire, ai fini della determinazione dell’aliquota Iva del 10%, nel valore dei beni,

La novità della Circolare è rappresentata dagli esempi concreti in essa portati, che contribuiscono a fugare dubbi sinora irrisolti.

L’Agenzia ritiene pertanto che le tapparelle ovvero analoghi sistemi oscuranti quali scuri o veneziane sono manufatti generalmente autonomi rispetto agli infissi (beni significativi), con la conseguenza che il loro costo può essere ricompreso nel valore della prestazione di servizio, ai fini del calcolo IVA.

Le stesse considerazioni valgono per gli interventi di manutenzione aventi ad oggetto l’installazione di zanzariere, parimenti ritenute funzionalmente autonome rispetto agli infissi.

Nel diverso caso in cui i beni sopra citati fossero strutturalmente integrati negli infissi, il loro valore, ai fini dell’applicazione dell’aliquota agevolata, deve confluire in quello dei beni significativi.

Grate di sicurezza e inferriate, invece, non sono considerate né componente funzionalmente autonoma degli infissi né infissi, pertanto l’Agenzia ritiene che in ogni caso la loro installazione rimane soggetta all’agevolazione del 10% insieme al valore della prestazione a prescindere.

Condividi questo contenuto

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!

Bandi e Opportunità