Normative e Servizi

Pagamenti PA in presenza di ruoli scaduti

Pagamenti PA in presenza di ruoli scaduti

A partire dal 1° marzo entrano in vigore le nuove e più stringenti regole introdotte dalla legge di Bilancio 2018 per il blocco dei pagamenti della Pubblica   Amministrazione nei confronti dei contribuenti morosi nei confronti   dell’Agenzia della Riscossione.

In particolare, sono   previste le seguenti novità:

riduzione da € 10.000,00 a € 5.000,00 della soglia al di sopra della quale le P.A. prima di procedere ad un pagamento devono verificare (attraverso l’Agenzia Entrate Riscossione) la presenza di cartelle non pagate di ammontare complessivo almeno pari al medesimo importo;

aumento da 30 a 60 giorni - nel caso di inadempienza - dell’intervallo temporale di sospensione del pagamento

Ove la risposta dell’Agente della Riscossione   sia positiva, la P.A.:

  1. bloccherà il   pagamento nei confronti del fornitore invierà una   specifica segnalazione all’Agente della Riscossione competente per territorio   nella quale sarà specificato:

-            che avrà 60   giorni di tempo da tale segnalazione per notificare un atto di pignoramento   presso terzi (art. 72-bis Dpr 600/1973)

-            l’obbligo da   parte della PA in questione di pagare direttamente all’Agenzia Entrate   Riscossione le somme che deve al suo creditore, fino a concorrenza del debito   a ruolo.

Per maggiori informazioni, potete contattare Alessia Frabetti, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Condividi questo contenuto

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!

Bandi e Opportunità