Normative e Servizi

Recupero Crediti: un nuovo servizio di CNA rivolto agli imprenditori

Hai clienti insolventi? Devi recuperare crediti per la tua azienda e non sai come fare? Ci pensano i Legali di CNA

recupero crediti denaro cutLa CNA di Ferrara ha attivato un servizio rivolto agli imprenditori che hanno bisogno di recuperare crediti non riscossi: potranno avvalersi di una rete di Avvocati di grande professionalità a tariffe concordate.

I nostri legali forniranno una prima consulenza gratuita per valutare insieme all'imprenditore le soluzioni percorribili.
A partire dal mese di Marzo garantiranno anche una loro presenza presso le nostre sedi territoriali per essere più vicini alle esigenze delle aziende.
Mettiamo quindi a disposizione di tutti i soci interessati l'elenco completo degli avvocati che hanno stretto un accordo con CNA, e il calendario aggiornato delle loro presenze presso le nostre sedi territoriali CNA.

QUI TROVATE I CONTATTI DI TUTTI GLI AVVOCATI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO DI CNA

QUI TROVATE IL CALENDARIO AGGIORNATO DELLE DISPONIBILITA' DEGLI AVVOCATI PRESSO LE SEDI TERRITORIALI

Commenta (0 Commenti)

Recupero Crediti - I contatti di tutti gli avvocati che hanno stretto un accordo con CNA per offrire il servizio a tariffe concordate

In questa pagina pubblichiamo i recapiti di tutti gli avvocati che hanno stretto un accordo con CNA per offrire ai soci il servizio di recupero crediti.
I soci interessati possono – se lo desiderano - contattare direttamente gli avvocati: potranno beneficiare delle speciali tariffe concordate con CNA e specificamente rivolte agli iscritti.
Gli avvocati hanno dato anche la disponibilità a incontrare i soci presso le sedi territoriali di CNA: in questa pagina trovate il calendario aggiornato di tali disponibilità.

FERRARA    
Anselmi avv. Roberto  0532-242420   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Battistello Avv. Alessandro 320-4548346 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Caselli Avv. Alessandra 0532-311825 / 339-7033378 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ciardiello Avv. Laura 0532/470304 - 340-5348411 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
De Leo Francesco 0532 203 960 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
De Nunzio Avv. Marco 0532-200224 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ferri Avv. Donatella 349-1656673 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ferri Avv. Valeria 0532-470776 / 347-8571620 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Filippone Avv. Gianluca 0532-471930 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giudice Avv. Rosalba 0532-459161 / 340-2847905 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Guarini Avv. Paola 0532-1826277 / 347-3020551 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La Malfa Avv. Giorgio 0532-203360 / 335-8222320 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Marchesini L. - Vandelli L. Studio Legale Assoc. 0532-210472 / 348-9339388  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Nagliati Avv. Giovanna 0532-2003279 /334-1344640 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Nappo Avv. Milena 347-9647862 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ramini Avv. Michela 0532-713241 / 333 - 7308001 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
STUDIO LEGALE ASSOCIATO TORSELLO SALANI 0532 761515   /0532 711098   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scaglianti Avv. Paolo 0532-247425 / 0532-410028 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tornello Avv. Andrea 347-0379963 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tuffanelli Avv. Alessandra 0532 243438 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Villani Avv. Alberto 0532-247100 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Zappaterra Avv. Vittorio 0532-240045 / 339-4422235 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Zecchi Avv. Francesca 0532-243452 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
     
ARGENTA    
Cavallini Avv. Elena 0532-859125 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gualandi Avv. Sara

0532-800579 /338-8712977

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
     
BONDENO    
Pancaldi Avv. Bernardo 0532-893815 / 335-6040906 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
     
CENTO    
Botti Avv. Valeria 051-900551 / 333-3503355 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Lanzoni Avv. Alessandra 051-6831387 / 339-3373771 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
     
FINALE EMILIA    
Molinari Avv. Sandra 346-6428087 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
     
SAN FELICE SUL PANARO    
Neri Avv. Roberto Maria

0535-91030 /346-7423691

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Commenta (0 Commenti)

Recupero Crediti - Calendario delle disponibilità degli avvocati convenzionati con CNA

In questa pagina pubblichiamo le giornate in cui saranno presenti presso le nostre sedi territoriali gli avvocati che hanno stretto un accordo con CNA per offrire ai soci il servizio di recupero crediti.

La presenza dei legali, nei giorni indicati, è assicurata dalle 14.30 alle 17.30

Il calendario sarà costantemente aggiornato. Naturalmente, resta la possibilità di contattare direttamente gli avvocati ai recapiti che trovate in questa pagina del nostro sito. I soci CNA potranno comunque beneficiare delle tariffe concordate con CNA.

 

Marzo 2019

15

venerdì

KRASNODAR

Zecchi Avv. Francesca

25

lunedì

COPPARO

Ferri Avv. Valeria

29

venerdì POGGIO RENATICO Giudice Avv. Rosalba

Aprile 2019

4

giovedì

COMACCHIO

Marchesini L. - Vandelli L. Studio Legale Assoc.

9

martedì

CODIGORO

Tuffanelli Avv. Alessandra

11

giovedì

PORTOMAGGIORE

Filippone Avv. Gianluca

17

mercoledì

ARGENTA

Zecchi Avv. Francesca

18

giovedì

CENTO

Pancaldi Avv. Bernardo

19

venerdì

KRASNODAR

STUDIO LEGALE ASSOCIATO TORSELLO SALANI

29

lunedì COPPARO La Malfa Avv. Giorgio
Commenta (0 Commenti)

Il SISTRI è stato finalmente abrogato: ecco che cosa succede adesso

Dopo l'abolizione del SISTRI - avvenuta con la pubblicazione in Gazzetta del DL Semplificazioni - facciamo chiarezza sulle novità che attendono le imprese. I nostri uffici del Servizio Ambiente restano comunque a disposizione dei soci per dare informazioni più specifiche.

sistriAbrogazione del SISTRI

A seguito della tanto attesa abrogazione del SISTRI, contenuta nel DL Semplificazioni, stiamo proseguendo il confronto con il Ministero dell’ambiente su quello che sarà il futuro della tracciabilità dei rifiuti.

La norma contenuta all’art. 6 del suddetto DL 135/2018 ha previsto, con la cancellazione del SISTRI, anche l’abrogazione di alcune norme del testo unico ambientale introdotte con il d.lgs 205/2010 ed in particolare l’art. 16 che aveva modificato gli articoli 188, 189, 190 e 193 del d.lgs 152/2006. Si ritorna dunque, al momento, ai “vecchi” adempimenti previsti.

Prospettive dopo l’abrogazione del SISTRI

Per quanto riguarda le prospettive future, sembra delinearsi un percorso per fasi successive, finalizzato a definire:


. la digitalizzazione degli attuali adempimenti cartacei: sappiamo che i lavori sono avviato e stiamo lavorando in collaborazione con l’Albo Nazionale Gestori Ambientali

. l’istituzione di un registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, previsto dalla nuova direttiva europea sui rifiuti con l’impegno formale di predisporre una molto “snella”, con costi di contribuzione estremamente bassi (nulla a che vedere con i contributi SISTRI) e costruito previa consultazione delle Associazioni. In ogni caso, i tempi per l’avvio di questo provvedimento non sono brevissimi.


Ad oggi non è ancora chiaro se, in prospettiva, si arriverà a un vero e proprio sistema di tracciabilità, o se a tal fine sarà sufficiente l’avvio del Registro e della digitalizzazione degli adempimenti.

Restituzione USB e Black Box del vecchio Sistri

In proposito il Ministero non si è ancora espresso formalmente. Poiché la norma prevedeva per questi dispositivi il comodato d’uso, al momento suggeriamo di conservarli (disattivando e, se possibile, smontando le black box con le modalità meno onerose per le imprese), in attesa di eventuali indicazioni sulla restituzione. Vi anticipiamo però che, tra le ipotesi, potrebbe anche esserci quella di superare il comodato d’uso e lasciare tali dispositivi nella disponibilità dell’azienda che, a quel punto, dovrebbe presumibilmente smaltirli correttamente.

Commenta (0 Commenti)

MUD Rifiuti 2019: va presentato entro il 30 aprile. Un nuovo decreto potrebbe far slittare il termine

E’ previsto per il 30 aprile 2019 il termine di presentazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2018. Un eventuale nuovo decreto del governo potrebbe produrre uno spostamento in avanti dei termini per la presentazione del Modello.

rifiuti smaltimentoLe attività che rientrano nell’obbligo di presentazione del MUD sono:

– le imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;

– le imprese ed enti che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi;

– le imprese ed enti che effettuano a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;

– i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione;

– chi effettua operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti.

E’ stata ventilata l’ipotesi di un nuovo Decreto in materia, che tuttavia non dovrebbe apportare novità particolarmente significative e complesse agli obblighi già esistenti; questa eventualità, se confermata, potrebbe tuttavia far slittare il termine per la presentazione del MUD oltre il 30 aprile.
Cogliamo l’occasione per ricordare alle imprese tenute a questo adempimento che possono fare riferimento ai nostri uffici per l’assistenza all’elaborazione a all’invio telematico del MUD

 

 

 

Commenta (0 Commenti)

Piani di emergenza per gli impianti di stoccaggio rifiuti: entro il 4 marzo

 

Piani di emergenza per impianti di stoccaggio e lavorazione rifiuti

Una scadenza “troppo vicina” da rispettare

Entro il 4 marzo 2019 è necessario provvedere a redigere i Piani di emergenza interni contro gli incidenti rilevanti per gli impianti di stoccaggio e di lavorazione dei rifiuti, così come previsto nella conversione in legge del cosiddetto “Decreto Sicurezza” entrato in vigore il 4-12-2018.

Di seguito abbiamo predisposto una scheda di sintesi, con la collaborazione dello Studio SGI Ingegneria, per cercare di chiarire le novità e gli adempimenti da porre in essere.

OGGETTO

Piano di emergenza interno per gli impianti di stoccaggio e lavorazione dei rifiuti.

RIFERIMENTI NORMATIVI

1.     Testo Coordinato del D. L. n 4 ottobre 2018, n. 113 – Art. 26 bis

“Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

2.    Circolare MATTM Prot. n. 0002730 del 13/02/2019

“Disposizioni attuative dell’art. 26-bis, inserito dalla legge 1° dicembre 2018, n. 132 – prime indicazioni per i gestori degli impianti”

3.    D. Lgs. 9 aprile 2008 , n. 81

“Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

SOGGETTI INTERESSATI

I gestori di impianti di stoccaggio e di lavorazione dei rifiuti, esistenti o di nuova costruzione. Rivolto quindi a tutti gli impianti autorizzati ai sensi:-        Art. 208 del D. Lgs. 152/06 – “procedura ordinaria-        Art. 216 del D. Lgs. 152/06 – “procedura semplificata”-        Titolo III bis del D. Lgs. 152/06 – “Autorizzazione Integrata Ambientale”Sono esclusi gli impianti autorizzati ai sensi del D. Lgs. 105/2015 “Seveso”.

INFORMAZIONI CONTENUTE NEL PIANO EMERGENZA

1.       Ragione sociale e indirizzo dell’impianto;

2.       Nominativo e recapiti del gestore e del responsabile per la sicurezza;

3.       Descrizione dell’attività svolta e dei relativi processi, indicazione del numero degli addetti;

4.       Elenco delle autorizzazioni/certificazioni nel campo ambientale e della sicurezza in possesso della società;

5.       Planimetria generale dalla quale risultino l’ubicazione dell’attività, il contesto territoriale circostante, le condizioni di accessibilità all’area e di viabilità;

6.       Piante in scala adeguata degli edifici e delle aree all’aperto utilizzate per le attività recanti l’indicazione degli elementi caratteristici;

7.       Relazione tecnica contenente almeno:

a.    quantità e tipologia dei rifiuti gestiti e indicazione della massima capacità di stoccaggio istantanea consentita (se si tratta di rifiuti pericolosi occorre indicare le relative caratteristiche di pericolo e specificare le modalità di gestione adottate);

b.    descrizione degli impianti tecnici;

c.     descrizione delle misure di sicurezza e protezione adottate anche in relazione alla gestione di impianto;

8.       Descrizione di possibili effetti sulla salute umana e sull’ambiente che possono essere causati da un eventuale incendio, esplosione o rilascio/spandimento;

9.       Descrizione delle misure adottate nel sito per prevenire gli incidenti e per limitarne le conseguenze per la saluta umana, l’ambiente ed i beni;

10.   Descrizione delle misure previste per provvedere al ripristino e al disinquinamento dell’ambiente dopo un incidente;

11.   Descrizione delle disposizioni per avvisare tempestivamente le autorità competenti per gli interventi in caso di emergenza (VVF, Prefettura, ARPA ecc).

ENTE COMPETENTE

Prefetto competente per territorio

SCADENZA PRESENTAZIONE

Per gli impianti esistenti, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto (03/12/2018) e quindi entro il 04/03/2019.

AGGIORNAMENTI

Il piano di emergenza interna è riesaminato, sperimentato e, se necessario, aggiornato dal gestore, previa consultazione del personale che lavora nell'impianto, ad intervalli appropriati, e comunque, non superiori a tre anni.

Commenta (0 Commenti)

per-CORSI di export-AZIONE: strategie per vendere nel mondo

I mercati internazionali sono ricchi di opportunità per le imprese che hanno buoni prodotti e voglia di crescere.
Tuttavia, per avere successo bisogna partire con il piede giusto. Per questo CNA Ferrara e Hotminds hanno organizzato perCORSI di exportAZIONE

Pulsante

 

La partecipazione è gratuita, ma si richiede un'iscrizione: inviate quindi una mail con i dati dei partecipanti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


titoloCNA Ferrara e HOTMINDS hanno dato vita a perCORSI di exportAZIONE: una serie di tre workshop con professionisti del marketing, esperti delle Associazioni di categoria e dirigenti di grandi imprese che esportano in tutto il mondo.
Per analizzare e comprendere i perCORSI di coloro che hanno vinto la sfida dell’exportAZIONE.

I Seminari si terranno il 26 febbraio, 19 marzo e 9 aprile dalle 17.30 alle 19.30 presso la sala Convegni CNA in via Caldirolo 84, 44123 Ferrara. Al termine sarà offerto un aperitivo.
Ecco il programma:

26 febbraio
CREARE E GESTIRE RETI PER LA VENDITA INTERNAZIONALE
Bandi, contributi ed incentivi per il processo di internazionalizzazione - Interviene Stefania Gamberini Responsabile Internazionalizzazione CNA Emilia Romagna

Best Practice Case Studies
Presenterà un caso reale Monica Cervellati Pharma Corporate Communication Manager I.M.A.- Industria Macchine Automatiche S.p.A. - Ozzano Emilia (Bo), Italia - www.ima.it

19 marzo
FIERE, WORKSHOP ED EVENTI INTERNAZIONALI
Opportunità internazionali: Enterprise Europe network: Simpler
Interviene Marcella Contini Responsabile Dipartimento Economico CNA Emilia Romagna

Best Practice Case Studies
Presenterà un caso reale Marcello Ferrozzi Vice President Marketing Communications SIDEL S.p.A. Parma, Italia - www.sidel.com

9 aprile
SERVIZI DI POST VENDITA INTERNAZIONALE, DA PROBLEM SOLVING AD OPPORTUNITA’
Presenterà un caso reale Paolo Colombo ICT-Digital Transformation Leader I.M.A.- Industria Macchine Automatiche S.p.A. Ozzano Emilia (Bo), Italia - www.ima.it

La partecipazione è gratuita, ma si richiede un'iscrizione: inviate quindi una mail con i dati dei partecipanti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pulsante

Commenta (0 Commenti)

Un’opportunità contro la disoccupazione: Ecipar e CNA lanciano un corso gratuito per operatori e operatrici alle cure estetiche

Un’occasione importante per entrare nel mondo del lavoro in un settore in crescita. Il corso è gratuito e rivolto a persone disoccupate. Tempo fino al 15 febbraio per aderire.

Un’ottima occasione per inserirsi nel mondo del lavoro in un settore – estetica e acconciatura – in grande crescita. E’ il corso di formazione, organizzato da Ecipar (l’ente di formazione professionale di CNA) per “Operatore alle cure estetiche con specializzazione in biocosmetica”: è completamente gratuito, rivolto a persone disoccupate, e comporta un impegno di 600 ore, di cui 240 di stage
Un’operatrice alle cure estetiche assiste il cliente durante il trattamento, predispone spazi e attrezzature di lavoro e affianca l’estetista o l’acconciatore nella cura del cliente: la figura che verrà formata dal corso avrà inoltre conoscenze specifiche nell’utilizzo dei prodotti cosmetici di origine naturale.
Il corso è finanziato dal Fondo sociale europeo della regione Emilia Romagna; prevede un massimo di 14 partecipanti e sarà preceduto da una selezione. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 febbraio.


Per informazioni e iscrizioni:
Ecipar Ferrara, via Tassini 8
0532-66440
Elena Bonati Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Operazione Rif. PA 2018-10765/RER approvata con deliberazione di Giunta Regionale n. 2228 DEL 27/12/2018 e cofinanziata con risorse del Fondo sociale europeo e della Regione Emilia-Romagna

Commenta (0 Commenti)

"Bene Insieme". Cna ospita un importante seminario sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

poster sicurezza taglioMoltiplicare gli sforzi per diffondere nelle aziende, e non solo, la cultura della prevenzione e della sicurezza sul lavoro: è questo l’obiettivo dell’Osservatorio sulla sicurezza e legalità del lavoro della Provincia di Ferrara. Un impegno ancor più motivato dagli ultimi dati relativi agli incidenti mortali registrati nell’ultimo anno nel nostro territorio. E’ stata quindi organizzata una serie di seminari di formazione e informazione. Il primo seminario – con la partecipazione di autorevoli relatori - è in programma per il 31 gennaio, alle ore 14.00, presso la sala convegni di CNA in via Caldirolo 84. Titolo: “Bene Insieme”. Tema: “Sicurezza comportamentale e benessere organizzativo”. La partecipazione è gratuita. Trovate qui l’invito al seminario

Commenta (0 Commenti)

Incentivo per l'occupazione dei Neet rifinanziato nel 2019

L’Anpal, con il decreto n. 581/2018, ha provveduto alla proroga dell’incentivo occupazione “Neet” previsto dal Programma operativo nazionale “Iniziativa occupazione giovani” (Pon Iog) per l’intero anno 2019. La dotazione finanziaria dell’incentivo occupazione Neet è incrementata di ulteriori 60 milioni di euro a carico dello stesso Programma “Iniziativa Occupazione Giovani”. Qui trovate il testo del provvedimento

Incentivo occupazione Neet - dall'ANPAL la proroga per il 2019

L’Anpal, con il decreto n. 581/2018, ha provveduto alla proroga dell’Incentivo Occupazione NEET a valere sul Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” (PON IOG) per l’intero anno 2019.

La dotazione finanziaria dell’Incentivo Occupazione NEET è incrementata di ulteriori 60 milioni di euro a carico del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” (PON IOG).

Caratteri dell’incentivo

L’incentivo è riconosciuto anche per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019, nei limiti delle disponibilità finanziarie, pari a 160 milioni, e dovrà essere fruito, a pena di decadenza, entro il 28 febbraio 2021.

L’assunzione deve riguardare una sede di lavoro ubicata in tutto il territorio nazionale, con la sola esclusione della provincia di Bolzano, con una delle seguenti tipologie contrattuali:

- a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;

- apprendistato professionalizzante;

- anche part-time.

Misura dell’esonero

L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale posta a carico del datore di lavoro, con l’esclusione dei premi INAIL, per 12 mesi entro un tetto massimo pari a 8.060 euro su base mensile, riproporzionato in caso di lavoro a tempo parziale.

La fruizione deve rispettare le condizioni dettate dal “de minimis”, tranne che in caso di assunzione che comporti un incremento occupazionale netto rispetto alla media dei dipendenti dei dodici mesi precedenti l'assunzione stessa.

 

Commenta (0 Commenti)

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!

Bandi e Opportunità